lunedì 25 febbraio 2013

Salmone al sesamo con purea di spinaci

Ingredienti per 2 persone:
3 tranci di salmone
4 cucchiai di sesamo bianco
4 cucchiai di sesamo nero
2 patate gialle
100 gr di spinaci 
1 noce di burro
3 fette di pane ai cereali
3/4 cucchiai di olio extra vergine di oliva e un filo per il salmone
Sale rosa Himalaiano


Preparazione 30 minuti per la purea + 5 per salmone:
Pulire gli spinaci, pelare e tagliare a cubetti le patate e lessare il tutto per 15 minuti da quando la pentola inizia a sbuffare
Nel frattempo pulire i tranci di salmone dalla pelle e dall'osso centrale, dividerli in due parti e impanarli da un lato col sesamo nero e dall'altro col sesamo bianco.
Sbriciolare il pane in un pentolino, aggiungere 3/4 cucchia di olio evo e friggerli fino a quando non diventano croccanti.

Scolare le verdure lessate, passarle nel passa verdure e trasferirle in un pentolino con una noce di burro.
Scaldare la purea fino a far scogliere il burro.

A questo punto scaldare una padella bassa e larga sul fuoco, versare un filo d'olio e adagiare i tranci di salmone. Farli rosolare un paio di minuti per lato, avendo cura di girarli con una pinza per evitare di romperli.

Impiattare prima i crostini, adagiare sopra 3 trancetti di salmone e qualche cucchiaiata di purea di spinaci. Finire con del sale rosa macinato grosso e un filo d'olio evo.




Buon appetito!


lunedì 4 febbraio 2013

Pennette risottate allo zafferano e limone candito

La tecnica della risottatura è applicabile non solo al riso ma anche alla pasta, conferendole un gusto e una delicatezza classica del risotto. L'ho provata ieri sera con una ricetta classica e il risultato è stato il piatto vuoto. Spero piaccia anche a voi.


Ingredienti per 2 persone:
220 gr di pennette rigate
110 gr di ricotta fresca di mucca
1,5 l di brodo vegetale
1 cucchiaio di cipolla tritata
4 gr di zafferano 
3 foglie di basilico
1/2 bicchiere di vino bianco
1 cucchiaio di scorza di limone
4 cucchiaini di zucchero 
Olio extra vergine di oliva q.b.
Sale q.b.
Pepe rosa q.b.

Preparazione 20 minuti:
Scaldare il brodo e portarlo ad ebollizione, nel frattempo mettere in una padella bassa e larga la cipolla e l'olio e soffriggere fino a doratura. A questo punto buttare la pasta e far saltare per un minuto e, a fiamma bassa, versare il vino bianco. Far sfumare il vino bianco un paio di minuti e aggiungere il brodo fino a coprire quasi del tutto la pasta. Tenere il fuoco basso e di tanto in tanto girare e aggiungere poco alla volta il brodo.
Nel frattempo in un pentolino basso e largo mettere la scorza del limone e lo zucchero fino a farlo caramellare, spegnere la fiamma e mettere da parte per l'impiattamento.
A pasta molto al dente, non aggiungere più brodo e alzare la fiamma al massimo, questo per far asciugare quasi del tutto il sughino che si è creato.
Spegnere il fuoco, stemperare lo zafferano con un paio di cucchiai di brodo caldo e aggiungere la ricotta. Se dovesse asciugarsi troppo aggiungere ancora un pochino di brodo.
Servire con il limone caramellato, del pepe rosa macinato in superfice e un filo d'olio crudo.



Buon appetito!